NEL RISPETTO DI MADRE TERRA


Vivere l'Ecospiritualità

La Natura rappresenta la manifestazione di un Mistero che si intravede al di là dell’universo visibile, e purtuttavia una dimensione di esistenza a cui apparteniamo. Nel contatto con la Natura si può maturare un’esperienza di vita che porta inevitabilmente all'armonia, sia interiore e sia con tutte le forme viventi, oltre che ad arricchirci spiritualmente.
La Natura ha provveduto a rivelare, a chi ne sente il bisogno, un archetipo evolutivo qual è la meditazione, esperienza che consente di maturare interiormente e porta a rivolgerci alla scoperta e all'interazione consapevole con il Mistero.
Su questa constatazione presso i Popoli naturali del pianeta, che hanno mantenuto un rapporto mistico con la Natura, è nato il concetto di ecospiritualità, ossia la realizzazione di una armonia interiore a mezzo della quale rapportarsi all'ambiente inteso non solo come una dimensione fisica ma come una dimensione globale che poggia su una natura invisibile e immateriale.


La difesa delle tradizioni e dei luoghi sacri

La Ecospirituality Foundation Onlus intende contribuire allo sviluppo della coscienza dell'identità morale e sociale dei Popoli naturali, identità che li distingue e li identifica come tali.
A questo scopo opera per dare visibilità alle radici culturali dei Popoli naturali al fine che, al fianco della emancipazione della loro realtà socio-economica, si evidenzi anche la realtà della caratteristica culturale che restituisca loro l'identità morale. Identità che distingue i Popoli naturali nei confronti della società che li affianca e che possiamo definire, per sua natura storica, come "società maggioritaria".
La Ecospirituality Foundation Onlus ritiene che la differenza dell'identità dei Popoli naturali da quella della società maggioritaria del pianeta non sia dovuta solamente alla diversità di natura socio-economica, ma anche alle loro radici culturali che li rendono diversi dalla cultura della società maggioritaria stessa. Essa ritiene pertanto che non sia sufficiente aiutarli solamente su un piano socio-economico poiché, nel momento in cui i Popoli naturali avranno realizzato un loro recupero in tal senso, potrebbero trovarsi in una condizione di "limbo" anonimo e disadattato nei confronti dei ritmi trainanti della società maggioritaria.
La Ecospirituality Foundation Onlus ritiene quindi che essi vadano aiutati anche nel recupero della loro reale identità culturale e delle loro radici tradizionali, recupero che dia loro un equilibrio morale nell'interazione con la società maggioritaria e consenta un loro sviluppo socio-economico senza traumi e conflittualità.
In questa situazione potrebbe svilupparsi un confronto di valori utile e costruttivo per entrambe le parti.


Dare voce agli ultimi, vittime del genocidio globale

Ogni giorno milioni di creature innocenti, animali non-umani e nostri fratelli figli di Madre Terra, sono tenuti come schiavi negli allevamenti intensivi in condizioni insopportabili. Ogni giorno vengono uccisi nei macelli, vengono vivisezionati, vengono privati di qualsiasi dignità.
In un passato non lontano la schiavitù o lo status di inferiorità delle donne erano considerati normali. Oggi queste cose sono state abolite a duro prezzo, con il sangue di chi ha combattuto contro le discriminazioni.
Ma oggi siamo di fronte ad una battaglia ben più vasta. Stiamo combattendo contro l’abominio più grande della storia. Siamo infatti di fronte a un’azione di crudeltà e sterminio che non ha eguali nella storia umana. Un’azione che non ha mai fine, che produce ogni giorno milioni di nuovi schiavi con l’obiettivo di sfruttarli e ammazzarli.
Noi vogliamo giustizia e uguaglianza per i nostri fratelli animali non-umani. Non lasceremo sterminare esseri senzienti in grado di provare piacere e dolore come noi, in grado di essere consapevoli e quindi di avere una loro spiritualità. Non lasceremo che la strage dei nostri fratelli continui nell’indifferenza generale.
La tutela degli animali e la difesa dei loro diritti in quanto “persone” non solo divengono un imperativo morale verso un’ingiustizia perpetrata dalla specie umana, ma sono anche una lezione di amore e di libertà per tutti. Gli animali provano paura, dolore, emozioni come gli umani.
Gli animali possiedono sentimenti e vivono la loro socialità come gli umani.
Gli animali sono dotati di intelligenza e hanno le loro culture.
Sono esseri senzienti come gli umani.
Gli animali sono persone! E come persone vanno trattati.
Perché permettere l’orrendo genocidio che vuole esaltare una presunta superiorità della specie umana ?
Siamo tutti figli di Madre Terra! Non accettiamo che vengano sterminati i nostri simili.
Noi vogliamo uguaglianza per i nostri fratelli animali non-umani.
Diffondiamo l’idea dell’ecospiritualità per fermare la sofferenza!
La tutela degli animali e la difesa dei loro diritti in quanto “persone” non solo divengono un imperativo morale verso un’ingiustizia perpetrata dalla specie umana, ma sono anche una lezione di amore e di libertà per tutti.


L'Ecospiritualità per una Nuova Terra

La Ecospirituality Foundation opera per dare un contributo per un mondo migliore.
Nel suo operato prende a riferimento il caso storico dei Popoli naturali. Culture che non hanno riferimento etico e spirituale nelle grandi religioni comparse nella storia ma che al contrario vivono e propongono un loro specifico modo di intendere e di rapportarsi alla vita.
Il riferimento di queste culture è costituito dai valori intrinsechi della Natura, quest’ultima intesa non solo come l'ambiente e i suoi cicli vitali, ma soprattutto come manifestazione di un Mistero che ha dato vita all'uomo e all'universo. Una esperienza che si trova ad essere comune a tutti i Popoli naturali, al di là delle distanze geografiche e delle forme espressive, e che definiamo come ecospiritualità.
La Ecospirituality Foundation si dedica alla tutela delle Tradizioni e dei luoghi sacri delle culture native poichè ritiene che esse debbano essere salvaguardate per il rispetto dei diritti delle minoranze di ogni paese.
Tuttavia promuove questa azione anche nella convinzione che l'esperienza millenaria e pragmatica che è stata sviluppata dai popoli nativi a contatto con la natura possa costituire una grande risorsa culturale e spirituale, necessaria per dare un esempio di pace e di armonia nel momento storico attuale.
Questa proposta si riassume nel concetto di ecospiritualità. In un momento storico in cui le diversità religiose e politiche si affrontano in conflitti sanguinosi portando disordine morale su tutto il pianeta, l'esperienza dei Popoli Naturali può costituire un esempio di coesistenza pacifica basata su comuni interessi e valori che nascono dal rapporto con la Natura.
Attraverso l’ecospiritualità auspichiamo rispetto per la vita, rispetto per l'ambiente, libertà per l'individuo e libero accesso alla conoscenza al fine che si possa concretamente migliorare la condizione sociale e spirituale dell’umanità.
Ecospiritualità è quindi un progetto per una Nuova Terra, basata sul progresso dell'individuo e della società attraverso le radici delle antiche tradizioni, guardando con chiarezza al futuro, per la realizzazione di un mondo migliore basato sulla fratellanza tra tutte le specie viventi, sul benessere e sulla pace.

Giancarlo Barbadoro
Rosalba Nattero
Presidente e VicePresidente
della Ecospirituality Foundation

Intervento nell'ambito dei lavori della organizzazione "Ensemble Allons dans la Paix - ONG"
alla conferenza “Ecospiritualité et promotion de la paix dans le monde”
presso il "Centre de Formation Scolaire" de Cotonou, Benin - 7 ottobre 2008.